PROLOCO SANT'ARPINO

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Menu principale:


La canzone di Zeza

CARNEVALE ATELLANO

CANZONE DI ZEZA

Pulcinella:

Zeza vire ca io mo jesco
statte attient’a sta figliola,
tu che si mamma dalle bona scola..
Tienetella ‘nzerrata
nun la fà prattecare
ca chella can un se sape se po’ ‘mparare,
uè se po’ ‘mparare.

Zeza:

Nun ce penzare a chesto
marito bellu mio,
ca a ‘sta figlia me l’aggio ‘mparat’io..
I’ sempe le sto a dire
‘na femmina ‘nnorata
è cchiù de ‘nu tesoro assai stemmata
…soro assai stemmata.

Pulcinella:

Vuie vedite signori mieie
a me che me succede
‘nnant’a sta chiappa ‘e ‘mpesa de mugliera,
aiere jette a casa
e stutata stev’a cannela
n’ommo annascuso sott’’o lietto steva.
Zè! Che ce faceva?

Zeza:

Mala Pasca ca te vatta
dint’’a stu bruttu naso,
chillo era Don Fabrizio ‘o patrone ‘e casa,
vuleva la mesata
de lu mese passato
si nun era pe me ive carcerato,
ive carcerato.

Pulcinella:

Sarrà comme tu dice
io mò me n’aggia ire,
Vicenzella da ‘sta fenesta fa’ trasire.
Mugliera stance attienta
penza ca so’ nnorato
nun fa ca torno a casa ‘ncurunato.
Torno ‘ncurunato.
(Pulcinella va via)

Zeza:

Sì pazzo si te cride
c’aggio ‘a tenè ‘nzerrata
chella povera figlia sfurtunata!
La voglio fà scialare
cu cient nnammurate
cu prievete, signore e cu li surdate
pure cu ‘e surdate!

Vicenzella:

Oi mamma mà che veco!
Nn’è chillo Don Nicola?
Mò proprio sarrà asciuto dalla scola!
Si chillo me vulesse,
io me lo spusarria
e cchiù sotto de tata nun starria.
Tata nun starria.

Don Nicola: (entrando)

Bennaie tutto lu munno
‘stu spantu de biddizza,
comm’a sumaru io tir’’a capizza.
Pe’ chesta faccia bella
nun trovo cchiù arricietto,
de lacreme aggio ‘nfuso tutto lu lietto,
aggio pisciat’’o lietto!

Zeza:

Credite a me zi abbate
‘sta povera figliola
sbarèa sempe quanno stace sola,
nun penza cchiù a nisciuno.

Vicenzella:

Tu m’haje da ‘nguadiare.

Zeza:

Si no essa stessa mò se và a scannare!
Uè se va a scannare.

Pulcinella: (entrando)

Senza ca tu te scanne
te faccio io ‘stu servizio.

Zeza:

Marì ferma ca vaje ‘mprecepizio!

Vicenzella:

Via tata mio perdoname
cchiù non lo voglio fare.

Pulcinella:

A tutt’e tre ve voglio addecreare!

Zeza e Vicenzella:

Uè ce vò addecreare!

Zeza:

Hai fatto ‘na gran cosa
tiratela la mano!

Pulcinella:

Vattenne zucculona ruffiana…

Zeza:

A me…và muore acciso!

Pulcinella:

Tu me faie esse ‘mpiso!...

Zeza:

Tu che canchero ‘ncapa t’haje miso?
‘Ncapo t’haje miso!

Don Nicola:

Arreto arreto t’’o metto
‘stu piezzo ‘e cacafuoco!...
Cu Don Nicola haje fatto malu juoco!

Pulcinella:

Pietà, misericordia!
Io aggio pazziato..

Zeza:

Vi comme trema mò ‘stu sciagurato!
Sciù..pe’ chi t’è nato!...

Don Nicola: (spara tra le gambe di Pulcinella)

Vicenzella:

Si tu me vuò bene
nun m’accider’a tata,
nun me tene ‘a mente ‘sta jurnata!

Don Nicola:

La voglio pe’ muglieri.
Che dici?...Sei contenti?

Zeza:

Rispunne ‘nzallanuto…. nun lo senti?
..nuto nun lo senti?

Pulcinella:

Gnorsì songo contento,
maie cchiù io ‘na parola
m’hanna cecà si ‘a dico a don Nicola!....
Ma vuie signori mieie,
nun ve ‘nzurate maie,
pecchè cu ‘na mogliera passate ‘nu guaio!...
Passate ‘nu guaio!

Zeza:

Via dateve la mano
Puzzate godè ‘ncocchia!...

Pulcinella:

Uno ne cade e n’ato ne sconocchia!...

Vicenzella:

Maritu bello mio!

Don Nicola:

Mugliera de stu core….

Zeza:

Tutte faccia godè Copint’ammore!...
Dè Copint’ammore!

Fronne e tammurriate:


Ih quante me ne fa’ chesta ccà abbascio,
vò marità la figlia e port’’a pressa…
E và dicenno ca tene li ccasce,
dinto ce tene ‘e caccavelle ‘e Sessa…..
Carnevale và e vene ce ne jammo e nun venimmo cchiù…
Ih!...gioia soia….
Chella vecchia ruffiana s’è arrubata ‘a quatturana,
i’ pe’ ce ‘a fa vedè, ce ‘a riett’mmano
Ih…gioia soia


HOME PAGE | PRO LOCO | NOTE STORICHE DI SANT'ARPINO | SAGRA DEL CASATIELLO | CARNEVALE ATELLANO | ATELLA JAZZ | LA TRADIZIONE DELLA CANAPA | FESTA DEL SORRISO "AMEDEO D'ANNA" | PINACOTECA | RASSEGNA LETTERARIA | CULTURA | IL TENENTE MACRI' | RASSEGNA STAMPA | Link Utili | News | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu