PROLOCO SANT'ARPINO

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

Menu principale:


Poesie e Filastrocche

SAGRA DEL CASATIELLO

POESIE


“ A festa do Casatiello”
di Mario Gabola

Sentite, sentite, sentite.
Popolo bello mò sentite.
Chesta sagra, nun va perdite,
chisto tuorto, nun ciò facite.
Stà proloco, de Sant’Arpino,
ca è overamente, sopraffino,
sempe, ogni anno, puntualmente,
te riesce a fa felice a gente.
Avite sapè ca ‘o Casatiello,
n’ cè steve, a primmo e Masaniello.
Chist’è nu tortano nostrane,
cu a n’zogna, pepe, e pasta e pane.
L’ingrediente, ‘o ddà importanza,
formaggi e salumi, in abbondanza.
E cchiù t’ò magne, cu lu surrise,
e cchiù te siente m’paravise.
Pure San Pietro, e juorne passate,
si è invitato, a stà magnate.
E pà faccia sporca, de l’inferno
ce o porte pure o pataterno.
Stì tre ghiuorne, e scampagnate,
si staie sule, o accumpagnate,
passale allere, senza affanno,
n’cè vedimmo, fra nat’anno.


IL CASATIELLO
di Domenico Crispino

Dolce fragranza
d’arte culinaria
per le strade
del vecchio Arpino.
A suon d’impasto
e di rosea cottura
si presenta per alimento
il cibo del momento.
A mò di sfida
cresce nelle case
per essere a moda
d’arte palese.
Figlio del biondo grano
si dona al palato
con l’abito di piacere
e orgoglioso siede
alle tavole atellane.
E’ morbido e fragrante,
è saporito e invitante:
signore e signori
è il casatiello!

FILASTROCCHE


In certe vie di Sant’Arpino
c’è sempre un odore fino
se ci passi a mezzodì
non vuoi più andar via da lì.
Il fornaio “Giginiello”
sforna un fragrante casatiello.
La ricetta? Farina, acqua, formaggi
salumi, “ciccioli” sugna, uova, sale pepe e lievito
mani forti, calde ed amorose per il rustico molto gustoso.
Gente, gente, accorrete da ogni lido
anche senza invito,
una gran bella sagra la “Pro Loco” di Sant’Arpino
ha organizzato e l’acquolina dell’odor fino
sarà placata da un assaggino.
CHE BONTA’!

Il casatiello, che bontà
porta nelle famiglie tanta felicità.
E’ una vera squisitezza,
che le nonne fanno come prelibatezza.
E’ un prodotto buono, speciale…
… davvero sensazionale!
C’è una sagra a Sant’Arpino
che rende gioioso ogni bambino.
E’ la sagra del casatiello
che fra tutti è l’avvenimento più bello!
Anche quest’anno ci sarà
e la felicità nei cuori regnerà!

Ricciardiello Martina Classe IV Sez. A - I.M.L.


E’ fatto con amore
e ha molto sapore.
Vi parlo del “Casatiello”
che fuori e dentro è bello.
E’ un’opera molto pregiata
e da tutti è apprezzata,
di sicuro non si può resistere
e alla sua preparazione è bello assistere.
Lo affermo io che a scuola, con i miei amici personalmente
ho assistito a questa esperienza felicemente.
Mi vien da dire già solo a pensarlo
Quando posso ancora assaggiarlo?


Roby Di Pietro - I.M.L.


A scuola delle casalinghe davvero speciali
hanno preparato i casatielli eccezionali.
Con ingredienti semplici e genuini
per la gioia di tutti i bambini.
Insieme abbiamo imparato
un motto da tutti apprezzato
“CRISCE PAN DINT O’ FURN
COMME CRESCE DIO PE’ TUTT’O’ MUNN
CHI NUN O’ TEN DATANCELLE
CHI O’ TEN CRISCITANCELL”
Che esperienza divertente
la raccontiamo a tutta la gente.
Che bello vivere a Sant’Arpino
c’è la “Sagra per ogni bambio”!

Classe II Sez. A - I.M.L


Casatiello, casatiello
quanto sei fragrante e bello
ti mangerei tutto con gli occhi
ma sono sicura che dopo mi tocchi
per questo ti assaggio velocemente
così rimango soddisfatta
piacevolmente.

Mariantonietta Pezzella Classe V Sez. B - I.M.L.


Casatiell preparat
d’à stà gent onorat
cu nu pizzic e stà bontà
fa regnà a felicità.




Classe IV Sez. A - I.M.L.


A Pasqua mangiamo il casatiello,
questo è un rustico molto bello.
Se lo vedi sembra una ciambella
se lo mangi sembra la “nutella”.
Ogni anno c’è la sagra a Sant’Arpino
e il casatiello si mangia accompagnato con il vino.
Dentro ci trovi anche uova e formaggio
e per questo ogni anno lo mangiamo a maggio.
Il casatiello si prepara con amore e si mangia con furore.


Igor Dell’Aversana Classe V Sez. A - I.M.L.


La Pro-Loco ha organizzato
una sagra eccezionale
per venti volte ci ha provato
e sempre più è rinomata.
Gli antichi sapori ci fa riscoprire
perché le tradizioni non devono morire…




Classe V Sez. B - I.M.L


E’ tanto buono e tanto bello
si parla del grande casatiello!
Non è americano ma,
napoletano.
Ognuno ne prenda un pezzetto,
anzi, meglio ancora, un etto,
ci vogliono buoni ingredienti per poterlo preparare,
ma, poi deve lievitare!
E’ bello tondo, come il mondo,
e ci invita ad un grande girotondo.


A Sant’Arpino è tutto bello
pure perché si mangia il “casatiello”.
Rotondo, grosso, grasso e gustosto
lo vedi e ti rinasce l’appetito.
Salame, pepe, sugna, acqua e farina,
e un sacco di formaggio pecorino
ci vogliono pure le cicole di maiale
che sono pesanti ma non fanno male.
Sopra il casatiello ci sono le uova
Ma come lo può capire chi non lo prova???!!

Lucia Aversano Classe V Sez. B - I.M.L.


Com’è buono il casatiello,
bello, grande e paffutello.
Lo mangio in ogni occasione
e provo tanta soddisfazione.
Caldo, fragrante e saporito
Io mi lecco pure il dito!
Alla sagra l’ho assaggiato
e non l’ho mai più dimenticato.

Di Monte Classe V Sez. B - I.M.L


Proverbio

Chi nun’ sa mai mangiat ‘o casatiello,
rind all’aneme è puveriell!!!





Liberti Classe V Sez. A - I.M.L.

ACROSTICO


Cibo
Assai
Saporito da
Assaggiare
Tutti
Insieme
E
Lasciarsi
Lietamente
Omaggiare


II Sez. A - I.M.L.


Casatiello
Amabile
Sempre
A
Tavola presente
Ieri come oggi
Eccezzionalmente
Lavorato
Lievitato e poi
Ovunque apprezzato.


Crispino Classe V Sez. B - I.M.L.

HOME PAGE | PRO LOCO | NOTE STORICHE DI SANT'ARPINO | SAGRA DEL CASATIELLO | CARNEVALE ATELLANO | ATELLA JAZZ | LA TRADIZIONE DELLA CANAPA | FESTA DEL SORRISO "AMEDEO D'ANNA" | PINACOTECA | RASSEGNA LETTERARIA | CULTURA | IL TENENTE MACRI' | RASSEGNA STAMPA | Link Utili | News | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu